Premio RAIn

Educazione

RAIn! Raccontami l’Avvenire e l’Innovazione 2017
Per il terzo anno, insieme all’associazione Sardegna 2050, abbiamo bandito il “Premio RAIn!”
un concorso per studenti chiamati a realizzare un video su nuove tecnologie e idee innovative.
 

L’edizione 2017 ha avuto un’importante novità:
il concorso è stato aperto a ragazze e ragazzi delle terze, quarte e quinte
di tutte le scuole superiori
 della Sardegna!

Scuola, cultura, salute, mobilità, sostenibilità, lavoro, energia, sono solo alcuni dei campi su cui
i ragazzi hanno potuto spaziare con la loro creatività.

Ancora una volta abbiamo chiesto di realizzare un video di tre minuti che racconti le tecnologie, le
innovazioni e i processi che cambieranno il nostro futuro o che magari abbiano già iniziato a farlo.
Insomma, come i ragazzi immaginano il futuro.

I vincitori

Giuseppe Chessa, Francesco Mulas e Walter Piazzi, del liceo Scientifico e Linguistico “Fermi”,
autori del video “Ákelu”,
sono i vincitori del primo premio.
Hanno scelto di raccontare una nuova frontiera del mondo del lavoro:
la produzione con stampanti 3D di oggetti poi messi a disposizione di una community attraverso un portale Internet.
Il loro motto è “se puoi immaginarlo, allora puoi farlo!”.
Andranno a Barcellona, in visita al Fab Lab,
per conoscere le novità tecnologiche più stimolanti del momento.

Àkelu

“L’impresa deve entrare nel mondo della scuola e aiutare i ragazzi a capire cos’è la realtà, anche per
dare un senso al loro sforzo. Poi, se gli studenti riescono anche a divertirsi, come in
questo caso, e 
a vincere bei premi, è ancora meglio”,
ha detto il direttore scolastico della Sardegna, Francesco Feliziani, riferendosi all’iniziativa di Saras
e Sardegna 2050, nel premiare i ragazzi.
A stimolare il dibattito, il giornalista Nicola Pisu.

ARTS – Auto Rescue Tracheotomy System

Il secondo premio è stato consegnato dalla presidente dei Giovani di Confindustria, Alessandra Argiolas, agli studenti dell’Istituto Giua di Cagliari, autori del filmato su
“ARTS – Auto Rescue Tracheotomy System”
che mostra il funzionamento di un sistema di pronto soccorso in caso di soffocamento. Alessandro Sechi, Federico Scioni, Valentino Zuliani (tutor, il professor Alessandro Zizi, ideatore del loro HiLab) andranno a Torino per visitare una start up innovativa e il Museo del Cinema.

Nanotecnologie per un grande futuro

Il terzo premio è stato consegnato dal responsabile dell’ICT del Gruppo Saras,
Bruno Demuru, agli studenti dell’Istituto “Bacaredda” di Cagliari, Matteo Vaccargiu, Lucrezia Pinna, Nicole Melis
(tutor, la docente Maria Luisa Zonno),
che hanno partecipato con il video dal titolo
“Nanotecnologie per un grande futuro”.
A loro sono andate tre action cam GoPro.

Sardegna, 2070

Infine, una menzione speciale per il tema scelto
è stata conferita dal coordinatore di Sardegna 2050 Simone Ferrari agli studenti dell’Istituto d’arte di Oristano.
Nel video “Sardegna, 2070”,
Sergio Pisanu, Angelo Frau, Riccardo Deias (tutor: Francesco Casale) rappresentano la scarsità di risorse idriche che in una Sardegna del futuro costringe gli abitanti a uccidere pur di avere l’ultima goccia.

RAIn! Raccontami l’Avvenire e l’Innovazione 2016:
vince “Tempi moderni”

Nella seconda edizione del concorso “Raccontami l’Innovazione”, bandito insieme all’associazione Sardegna 2050,
gli studenti della secondaria del sud Sardegna sono stati chiamati, ancora una volta, a realizzare,
con le applicazioni dello smartphone, brevi video di tre minuti
che raccontano l’impatto della tecnologia nei diversi ambiti della nostra vita.

Dalle provocazioni critiche sul perenne bisogno di essere connessi fino a temi di rilevanza sociale,
come il superamento della disabilità grazie alla tecnologia,
sono vari gli stimoli che hanno ispirato i giovani videomaker che hanno partecipato alla seconda
edizione del concorso.
La giuria ha scelto tre video di particolare pregio,
sebbene tutti i lavori meritino una menzione speciale per la forza narrativa che ha contraddistinto
quasi tutte le proposte.

Tempi moderni

È il video primo classificato, gli autori sono Luca Lampis, Marco Nannizzi e Gianmarco Cicalò
dell’Ipia Galileo Ferraris di Iglesias e la docente tutor è Nicoletta Schirru.
Con una “pellicola” in bianco e nero,
degna del richiamo ai tempi moderni di Chaplin,
con un forte riferimento al Metropolis di Fritz Lang,
gli autori hanno ideato e realizzato, con materiali di recupero,
un robot semovente in grado di svolgere attività pericolose per l’uomo in ambienti inospitali.
La giuria ha valutato in particolare la qualità della narrazione, con un’ottima trama e un solido
legame tra filmato e sonoro.
Al gruppo è andato un voucher per viaggio,
soggiorno di tre giorni a Barcellona con una visita programmata al Fab Lab di Barcellona,
la fabbrica d’innovazione più creativa d’Europa.
Inoltre, i vincitori hanno potuto presentare il proprio filmato
alla manifestazione nazionale di Scintille (www.cniscintille.it),
che si è tenuta al Teatro Massimo di Palermo il 22 giugno 2016.
La manifestazione era patrocinata e sostenuta dal MIUR.

Smar3D & Gemma Sonica

Il video al secondo posto
è di Valentino Zuliani, Federico Scioni e Preet Inder Sainidal
dell’ITIS Michele Giua di Cagliari e il docente tutor è Antonello Zizi.
Il team ha ideato e realizzato un sistema, leggero e indossabile comodamente come un cappellino o un ciondolo,
che segnala ai non vedenti o agli ipovedenti la presenza di ostacoli lungo il loro cammino.
“RaIn” premia l’originalità dell’innovazione proposta
e l’elevato impatto sociale che tale proposta potrebbe rappresentare.
Hanno vinto un viaggio di due giorni, soggiorno e una visita guidata
al “Fab Lab” della Città della Scienza di Napoli.

Fatto!

Si è aggiudicato il terzo posto
il video di Lorenzo Eriu, Raffaele Serra e Paolo Ghiani
dell’Istituto Domenico Alberto Azuni di Cagliari, il docente tutor è Stefania Grilli.
Il confronto generazionale, potenzialità e limiti della diffusione della tecnologia
sono descritti con ironia e una considerevole capacità tecnica che strizza l’occhio
al secondo neorealismo italiano degli anni Settanta.
Gli autori di questo filmato hanno inventato una fantomatica app chiamata “Fatto!”,
che consente di sbrigare commissioni direttamente da casa, salvo poi accorgersi che non tutto si
può risolvere con la tecnologia.
La giuria ha ritenuto questo filmato un modo alternativo di descrivere l’innovazione, con uno
sguardo dissacrante che stimola riflessione e autocritica.
Hanno vinto una action camera GoPro 4 per ogni studente del gruppo.
Infine, gli autori dei dieci video finalisti hanno potuto presentare il loro filmato alla manifestazione
“officinepermanenti” il 15 luglio a Cagliari, nella sezione “Scuola e innovazione”.

RAIn! Raccontami l’Avvenire e l’Innovazione:
I vincitori dell’edizione 2015

Salviamo i bambini

primo classificato

A rain of innovation

secondo classificato

Giardino verticale

terzo classificato

Gli autori del filmato primo classificato
sono stati premiati con un viaggio di istruzione al Fab Lab di Barcellona, la “fabbrica di
innovazione” d’Europa.
Il secondo gruppo classificato ha ricevuto, per ognuno dei tre autori,
un viaggio-soggiorno di due giorni a Milano per visitare Expo2015;
il terzo gruppo, telecamere GoPro.
I tre filmati sono stati trasmessi dall’emittente regionale Videolina
in occasione del servizio dedicato all’evento finale del 21 maggio, “Teatroenergia”,
organizzato dal Gruppo Saras e dal liceo classico “Siotto Pintor” al Conservatorio di Cagliari.
Nel corso della serata, gli studenti del liceo hanno portato in scena uno spettacolo teatrale sull’energia
“Prometeo perché”, nato da un laboratorio teatrale supportato dal Gruppo.