Sarlux considera fondamentale la salute dei lavoratori e dei cittadini

L’impegno per la qualità dell’aria

La qualità dell’aria e la riduzione delle emissioni atmosferiche rappresentano un aspetto fondamentale per il Gruppo Saras,
perché legato alla salute dei lavoratori e dei cittadini dei vicini centri abitati.

L’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) è il “piano maestro” di riferimento che impone limiti sempre più sfidanti anche riguardo alle emissioni in atmosfera. Nel 2009, il Ministero dell’Ambiente ha rilasciato al sito industriale di Sarroch – prima raffineria a ottenerla in Italia – questa importante autorizzazione che permette l’esercizio dell’impianto
in virtù del rispetto dei limiti di emissioni.

aria flat 400px
La riduzione delle emissioni di CO2
ha consentito di evitare in un anno costi sociali*

per più di 2 milioni di euro.
* È stato applicato il costo sociale della CO2 indicato dalla Commissione Europea (€43 per tonnellata) alla riduzione assoluta di CO2 realizzata da Saras in un anno (46.699 tonnellate)

Il monitoraggio della qualità dell’aria

Il monitoraggio costante della qualità dell’aria è l’elemento cruciale della politica concreta di Sarlux a favore della tutela ambientale.

Centraline fisse

La qualità dell’aria all’esterno dello stabilimento è controllata da due reti di monitoraggio. Sarlux gestisce quattro proprie centraline di monitoraggio e l’ARPAS gestisce tre centraline di proprietà della Regione Sardegna.

La rete nel suo complesso fornisce indicazioni – quasi in tempo reale – sulle variazioni dei parametri significativi per la qualità dell’aria, al fine di verificare che i valori di concentrazione di sostanze inquinanti siano sempre al di sotto dei valori limite fissati dalla legge. Questo controllo costante consente di intervenire con tempestività qualora sia necessario.
I dati rilevati dalle centraline risentono dei contributi di tutte le sorgenti di emissione presenti nell’area, sia di tipo industriale, sia di tipo urbano, sia di tipo extra urbano, come il traffico veicolare.

Ciascuna delle quattro stazioni Sarlux (Villa d’Orri, Sarroch, Porto Foxi e Deposito nazionale) e la rete dell’ARPAS sono quindi attrezzate con analizzatori in grado di misurare in continuo la concentrazione nell’aria di anidride solforosa (SO2), ossidi di azoto (NOx), polveri, PM10, monossido di carbonio (CO), anidride carbonica (CO2) e altri inquinanti come idrogeno solforato (H2S), benzene (idrocarburi) e ozono.
La stazione situata nell’area del Deposito nazionale è, inoltre, integrata con una stazione di rilevamento meteoclimatica.

Ubicazione delle stazioni di monitoraggio della qualità dell’aria ARPAS

Indicatori biologici

Lo stato della qualità dell’aria può essere monitorato anche con indicatori di tipo biologico e attraverso studi sulla biodiversità.

I muschi epifiti, ossia i muschi che vivono sul tronco degli alberi, sono i bioindicatori più utilizzati per questo tipo di analisi, perché la ricchezza di biodiversità corrisponde alla salubrità dell’ambiente: la metodologia è basata su una misura della biodiversità, ossia dell’abbondanza delle diverse specie muscinee.

Da anni, il dipartimento di Scienze botaniche della facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali dell’Università di Cagliari conduce, in una vasta area che interessa l’entroterra di Sarroch, una campagna di controllo sullo stato di salute della vegetazione, adottando anche la metodologia dei muschi epifiti per il biomonitoraggio della qualità dell’aria.

Il giudizio fa riferimento ai valori dell’Indice di Purezza Atmosferica (IAP, Index of atmospheric purity) e l’analisi conferma che, anche nel 2017, la qualità dell’aria rientra nella fascia intermedia rispetto agli estremi della scala di valutazione (classi da 1 a 7) dell’indice IAP.

Dai risultati delle rilevazioni sul campo emerge che il bioaccumulo di tali sostanze risulta inferiore alle medie annuali italiane ed europee.

Ubicazione delle stazioni di biomonitoraggio di qualità dell’aria gestite dall’Università di Cagliari
aria flat 400px

Il controllo delle emissioni atmosferiche

Il Gruppo ha adottato nel tempo importanti misure di miglioramento continuo: dalla scelta delle materie prime alla migliore qualità dei combustibili utilizzati, fino ai programmi di efficienza energetica, con conseguente riduzione del combustibile bruciato e quindi di minori emissioni atmosferiche.

La particolare attenzione verso la qualità dell’aria e la riduzione delle emissioni atmosferiche si concretizza anche in una serie di interventi di miglioramento tecnologico degli impianti, anche andando ben oltre le disposizioni delle autorità di controllo.
Il parametro di riferimento è quello delle migliori tecnologie disponibili (Best Available Technologies).
Inoltre, è importante il ruolo delle procedure e dei sistemi di gestione, che garantiscono una sempre maggiore compatibilità ambientale delle attività svolte nel sito.

I risultati premiano questo lavoro:
le emissioni della raffineria, certificate da enti terzi, sono ampiamente al di sotto dei limiti di legge indicati dall’AIA.

aria flat 400px